martedì 2 aprile 2013

Recensione ORGOGLIO E PREGIUDIZIO di Jane Austen

Jane Austen
ORGOGLIO E PREGIUDIZIO
Mondadori
pp. 464 -  € 9,00
Romanzo
Classici

RECENSIONE
di MissMeiko
Recensione pubblicata sul web magazine Mondo Rosa Shokking (20 gennaio 2011)

“È una verità universalmente riconosciuta che uno scapolo provvisto di un ingente patrimonio debba essere in cerca di moglie”. Con uno degli incipit più conosciuti e invitanti della letteratura, Orgoglio e Pregiudizio si colloca a buon diritto tra i grandi classici.

Scritto da una Austen ventunenne con il titolo iniziale di First Impression, il romanzo racconta la vicenda delle prime impressioni tra Elizabeth Bennet e il signor Darcy, fino all’inevitabile epilogo. Di fronte a una ragazza acuta e solare, un ragazzo chiuso e dai modi un po’ scontrosi. Due caratteri opposti, accomunati solo dalla fretta di giudizio l’uno nei confronti dell’altra, che però riescono a conciliarsi dopo aver riconosciuto i rispettivi errori.


La storia, ambientata nell’Inghilterra di fine settecento, dà all’autrice l’occasione per ironizzare sulla società del suo tempo proprio attraverso il personaggio di Elisabeth. Grazie infatti alla sua spiccata vena ironica, la ragazza respinge intelligentemente uno stupido signor Collins, emblema del servilismo spudorato; oltre a sostenere col giusto sarcasmo gli insulti di Lady Catherine de Bourgh, l’aristocratica e autoritaria zia di Darcy.

Attorno alla vicenda principale ruotano le vicende degli altri personaggi: l’amore di Jane, sorella di Elisabeth, per il signor Bingley, il migliore amico di Darcy; l’eccessiva vivacità di Lydia, la più piccola delle cinque sorelle Bennet; nonché la mediocrità intellettiva della signora Bennet, ben contrapposta alla mente assennata del signor Bennet. 
Personaggi, questi, che hanno saputo trovare spazio anche in numerose trasposizioni televisive.
La migliore e, a detta della critica, la più riuscita finora è indubbiamente lo sceneggiato della BBC datato 1995, per la regia di Simon Langton, dal titolo Jane Austen’s Pride and Prejudice.

Il magistrale cast vede come attori protagonisti Jennifer Ehle e Colin Firth. L’adattamento sa essere un degno omaggio al romanzo più celebre della Austen, grazie a una sceneggiatura molto fedele al libro e ai due interpreti principali, che rendono bene i rispettivi ruoli, così come scaturiscono dall’immaginario del lettore.

Dieci anni più tardi, esattamente nel 2005, Joe Right riporterà sul grande schermo Orgoglio e Pregiudizio, un adattamento cinematografico poco credibile, per i costumi come per il carattere poco riuscito dei personaggi, primo fra tutti quello di Elisabeth Bennet. Keira Knigthley, troppo magra e un po' troppo sfacciata nel rappresentare la giovane, si discosta molto dalle caratteristiche austeniane. Stesso discorso per Matthew MacFadyen, che in nulla ricorda i modi di Darcy.

Contestabili i premi come miglior attrice protagonista per Keira Knightley e per i costumi a Jacqueline Durran agli Academy Awards.

Il romanzo, fonte d’ispirazione per giovani scrittrici – come Helen Fielding e il suo noto romanzo Il Diario di Bridget Jones – continua ad affascinare sempre nuovi e appassionati lettori, non soltanto di sesso femminile.

Valutazione 5 stelle: ottimo. Un investimento!

2 commenti:

  1. Concordo sul fatto che la trasposizione migliore sia quella del 1995 della BBC con Jennifer Ehle e Colin Firth. E' molto più fedele al romanzo e i personaggi sono più credibili (tutto il cast e pure i costumi sono più credibili). Il romanzo è bello anche se preferisco il più maturo "Persuasione" ^.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Morgana, a "Persuasione" ci devo ancora arrivare! XD Ho in coda "Emma". Sai, non vedo l'ora di leggere tutti i libri della Austen!

      Elimina