venerdì 14 settembre 2012

DigitaLibro: intervista a Roberta Gregorio, Chichili Agency Italia


A cura di MissMeiko

Carissimi amici del blog,
parte oggi una nuova rubrica su Young Adult lit: DigitaLibro!

Si tratta di uno spazio che ho pensato di dedicare all'editoria digitale, in modo da sapere chi sono gli editori digitali, cosa fanno, cosa c'è dietro alla pubblicazione di un e-book, come lavora ciascuno di loro.

La rubrica avrà scadenza mensile e sarà affrontata mediante intervista.

In questa prima puntata, ospite del blog è Roberta Gregorio, rappresentante in Italia della casa editrice tedesca Chichili Agency (a dicembre 2011, se ricordate, ve ne avevo già in parte parlato. Andate qui).

Pagina Facebook Chichili Agency

Andiamo ora a conoscere più da vicino Roberta, ponendole un paio di domande utili per sapere in che modo lavora la casa editrice e come può tentare la pubblicazione chi è interessato.

Salve, Roberta. Benvenuta su Young Adult lit! Ti va di presentare Chichili Agency Italia ai lettori del blog?
È un piacere essere qui, grazie dell’invito.
In realtà, la Chichili è una sola e ha sede in Germania. Ciò che abbiamo creato qui in Italia, non è altro che una sezione, più o meno distaccata. Il mio compito è quello di individuare testi validi e portarli alla pubblicazione in ebook.


La sezione italiana nasce da una costola della tedesca Chichili Agency. Come si è arrivati a questo connubio?
L’idea della sezione italiana è nata in un colloquio col direttore e fondatore della Chichili, Karsten Sturm. Ho infatti pubblicato diversi lavori con loro, prima ancora di immaginare una collaborazione di tipo diverso.
Karsten ha capito molto presto che il formato digitale offre anche l’opportunità di raggiungere un pubblico internazionale. Libri non solo tedeschi e una vastissima rete di distribuzione, ecco cosa serve e io provo a contribuire.

Come stanno rispondendo i lettori?
Non mi posso lamentare. Considerando che fino a un anno fa, nessuno aveva mai sentito parlare della Chichili e con la concorrenza sempre più presente, sono soddisfatta di ciò che abbiamo raggiunto in così poco tempo. Abbiamo molti titoli ben piazzati nelle varie classifiche, belle recensioni e un discreto numero di affezionati. Cosa potrei pretendere di più?

Il catalogo Chichili spazia dal chick-lit all’erotico, per poi passare al thriller, al fantasy e a ogni altro genere, incluso il mainstream. Come vengono selezionati i lavori, scelti poi per la pubblicazione?
Ovviamente, studio un po’ le classifiche e i dati di vendita. Ciò che chiede il pubblico, gli viene dato. Cerco anche di offrire una vasta scelta di prodotti. I gusti sono gusti e non tutti amano lo stesso tipo di letteratura.
Quando valuto un manoscritto, non bado molto alla forma, ma soprattutto a ciò che riesce a trasmettermi. Se i testi hanno un’anima, emergerà comunque. Io cerco emozioni: brivido, ribrezzo, tenerezza, paura, nostalgia, allegria, gioia… Se un qualsiasi scritto riesce a colpirmi dentro, è fatta.


Siete stati i primi in Europa ad aver proposto un nuovo modo di leggere il digitale attraverso i cosiddetti e-book seriali. In cosa consistono per l’esattezza?
Avete presente il feuilleton che usciva periodicamente e a episodi sui giornali o le riviste? Ecco, il seriale è molto simile.
Romanzi divisi per puntate, oppure episodi autoconclusivi che hanno in comune lo stesso protagonista o un argomento in comune. Ci deve essere un file rouge che leghi i vari episodi, che catturi l’attenzione del lettore e lo invogli a procedere.

In che modo avviene la promozione dei titoli e quali sono i canali di distribuzione?
Per ora iTunes, Amazon, Kobo, Ebookizzati e Cubolibri. A breve saremo presenti su tutti i maggiori siti di vendita di ebook. Creare la rete di distribuzione qui in Italia, partendo da zero e considerando che ci siano di fatto delle barriere linguistiche da superare quando aziende di nazionalità diverse iniziano a collaborare, ha preso via moltissimo tempo. Tra trattative, conferenze telefoniche e quant’altro, i mesi sono volati via. Però ora il mio obiettivo è raggiunto.
Potrò concentrarmi sulla promozione che in parte viene gestita dalla stessa casa madre. Avviene prevalentemente online con spazi promozionali nelle prima pagine dei siti di vendita.
Da non dimenticare poi la rete di distribuzione tedesca, molto vasta e consolidata. Anche lì sono in attesa di ricevere degli spazi promozionali.

Dalle prime pubblicazioni italiane a oggi, gli arrivi dei dattiloscritti in redazione sono aumentati?
Oh sì. Mentre agli inizi pregavo io gli autori di pubblicare con noi, ora è viceversa e non riesco a stare dietro alle richieste.
Il nome inizia a girare, il passaparola tra gli autori esiste ed è forte.

Si può ancora parlare di diffidenza degli autori intorno all’e-book?
Non so se la diffidenza nei confronti degli ebook sia diminuita. Io credo che un autore, pur di pubblicare, molte volte non badi tanto alla forma. Cartaceo, digitale, online poco importa. 
 
Se un aspirante autore dovesse essere interessato a spedire un proprio lavoro a Chichili Agency, come dovrebbe muoversi? 
Il primo passo è quello di contattarmi via email (gregorio@chichili.de) per chiedere se al momento ci sia disponibilità e interesse a valutare nuove proposte. 



Chiedete una qualche forma di contributo editoriale per la pubblicazione?
No. E ne vado fiera. 

Chichili ha già partecipato e/o parteciperà a eventi letterari come le fiere del libro? Se sì a quali e come è accolto il digitale a queste manifestazioni?



La Chichili partecipa regolarmente alla Fiera del Libro di Francoforte e a Maggio scorso, per la prima volta, al Salone del Libro di Torino.
Il digitale è una realtà tangibile. Intere aree espositive vengono ormai dedicate agli ebook e soprattutto adulti e over 60, non temono più il confronto. Secondo me, è stato fatto un enorme passo in avanti, in quanto la maggior parte dei lettori ha ora capito che l’ebook non è altro che un libro. Ovvio che ora bisogna superare un ulteriore scoglio: quello della paura dell’ignoto.
C’è poi chi è contrario agli ebook proprio per principio e lì non c’è nulla da fare…


Grazie mille, Roberta, per l’intervista e un grosso in bocca al lupo dallo staff di Young Adult lit!


Grazie a voi! Vi seguo con grande interesse e vi ringrazio dell’attenzione nei nostri confronti.


Ora tocca a voi, amici.
Dite la vostra, fateci sapere cosa ne pensate della Chichili Agency Italia!

Il prossimo appuntamento con DigitaLibro quanto prima. Seguiteci!


Nessun commento:

Posta un commento