venerdì 11 maggio 2012

Recensione LA SPIA DEI MAGHI di Trudi Canavan (Nord)


Titolo: LA SPIA DEI MAGHI
Di: TRUDI CANAVAN
Edizione: NORD (Collana NARRATIVA) 
Tipologia: ROMANZO 
Genere: FANTASY
Anno: 2011
pp.496

Cartaceo € 19,60 
E-book - - -
RECENSIONE
di Briseide 

La spia dei maghi costituisce il primo di tre volumi di una saga fantasy. La storia si dipana venti anni dopo la conclusione della precedente trilogia La corporazione dei maghi che vede protagonista la maga Sonea, madre di Lorkin, protagonista di questo libro. Sebbene Lorkin sia poco più che ventenne, non si tratta di un romanzo di formazione. Il ragazzo è cresciuto all’ombra di due genitori che hanno scritto capitoli importanti della storia del regno di Kyralia. Infatti, è proprio per dimostrare il suo valore che Lorkin si offre volontario per scortare Lord Dannyl, il nuovo ambasciatore, nel regno rivale di Sachaka, dove la popolazione nutre ancora un profondo risentimento nei confronti dei kyraliani.

Nella prima parte del libro si presentano un po’ i protagonisti e si richiamano alcuni avvenimenti che aiutano a rinfrescare la memoria ai lettori della saga precedente, facendo incuriosire coloro che non l’hanno ancora letta.

La trama si sviluppa su due filoni narrativi.


Il primo vede la maga Sonea e  Cery, l’amico Ladro che, nella guerra accaduta vent’anni prima, aveva collaborato a sconfiggere gli Ichani (maghi neri reietti di Sachaka), alla ricerca del Cacciatore, un assassino che potrebbe essere responsabile anche della morte dei genitori dello stesso Cery.

Il secondo filone narrativo, più interessante, segue il viaggio di Lord Dannyl e Lorkin i quali, impegnati in ricerche che potrebbero condurli sulle tracce di un segreto antichissimo, mettono a repentaglio la loro stessa vita poiché a Sachaka vi sono delle maghe nere che vogliono uccidere Lorkin per vendicare un antico torto compiuto dal padre del ragazzo nei loro confronti.

Sebbene si tratti di un fantasy, non abbiamo animali fantastici, ma solo magia e luoghi incantati dove gli abitanti, come nel mondo reale hanno tradizioni e costumi.

Nonostante la trama sia ben articolata e i personaggi siano ben caratterizzati, anche sul piano introspettivo e psicologico, c’è qualcosa che non riesce a coinvolgere completamente il lettore: sembra quasi che quest’ultimo debba rimanere estraneo alla vicenda, forse perché conosce solo in parte la narrazione che comunque è caratterizzata da uno stile pacato e privo di colpi di scena...

Voto? Tre stelline... Da un libro intitolato La spia dei maghi mi sarei aspettata un po’ più di suspence!

Romanzo da 3 stelle = consigliato agli amanti del genere 


LA TRILOGIA:
  • La spia dei maghi
  • La guaritrice dei maghi (recensione)
  • Un terzo volume di prossima pubblicazione


TRAMA

Non è stato facile per il giovane Lorkin crescere all’ombra della madre, la maga Sonea, famosa in tutto il regno di Kyralia per aver reintrodotto la potentissima magia nera. E altrettanto difficile è stato confrontarsi con la memoria del padre, morto prima che lui nascesse: Lord Akkarin, l’uomo che, vent’anni prima, era riuscito a sventare l’invasione dei perfidi maghi di Sachaka, inaugurando così un periodo di pace e prosperità. È quindi per dimostrare il suo valore che Lorkin si offre volontario per scortare Lord Dannyl, il nuovo ambasciatore, proprio nel regno rivale, dove la popolazione cova ancora un profondo risentimento nei confronti dei kyraliani. Sebbene la missione diplomatica preveda soltanto un periodo di studi sulle antiche leggende sachakane, il viaggio si annuncia irto di pericoli. Al loro arrivo, infatti, i due maghi ricevono un’accoglienza gelida e, ben presto, rimangono vittime di strani e inquietanti «incidenti». Ma Lorkin e Lord Dannyl non sanno che il motivo di una simile ostilità non sono il rancore e la rivalità che dividono i due regni, bensì le stesse ricerche dell’ambasciatore, che potrebbero condurlo sulle tracce di un segreto antichissimo, un segreto che sconvolgerebbe l’intero mondo della magia...


L'AUTRICE

Trudi Canavan è nata a Melbourne, in Australia, dove vive tuttora. Ha sempre amato raccontare storie fantastiche, ma soltanto nel 1999, quando il suo racconto d'esordio, Whisper of the Mist Children, ha ricevuto il prestigioso Aurealis Award, si è decisa a diventare scrittrice. E ha scelto di partire proprio da questo racconto per creare la trilogia con protagonista la maga Sonea e composta da La corporazione dei maghi (Nord, 2007), La scuola dei maghi (Nord, 2008) e Il segreto dei maghi (Nord, 2009): il successo è stato così travolgente da convincerla a scrivere un prequel - L'apprendista del mago (Nord, 2010) - e, appunto, La spia dei maghi, il primo romanzo di una nuova serie dedicata al figlio di Sonea, il giovane mago Lorkin.

Nessun commento:

Posta un commento