martedì 26 luglio 2011

PAGINA 99 #2

Come avevo già promesso a Bris in un commento alla prima puntata di questa rubrica, questa seconda l'avrei dedicata a IL RITRATTO DI DORIAN GRAY di Oscar Wilde.

Di cosa tratta la rubrica?

Come da titolo, della pagina 99. Pare che leggendo le prime battute di pag. 99 di ogni libro, si possa capire se e quanto quel libro vale.

Andiamo alla novantanovesima pagina del noto romanzo di Wilde, dunque:

Ma so anche che tu sei migliore di lui. Non sei più forte - hai troppo timore della vita - ma sei migliore. Come siamo stati felici insieme! Non lasciarmi, Basil, e non litigare con me. Non c'è altro da dire."
Il pittore si sentì stranamente commosso. Quel giovane gli era infinitamente caro e la sua personalità era stata la chiave di volta della sua arte. Non sopportava l'idea di rimproverarlo ancora. Dopo tutto, la sua indifferenza era semplicemente uno stato d'animo che forse sarebbe scomparso. Tante cose in lui erano buone, tante cose in lui erano nobili.


Ebbene, cosa ne pensate? Attira?

Io non posso esprimermi, sarei di parte: è il mio romanzo preferito assieme a ORGOGLIO E PREGIUDIZIO di Jane Austen. Ma mi piacerebbe conoscere il vostro parere, soprattutto da chi non l'ha ancora letto.

1 commento:

  1. Sarei di parte anch'io, visto che adoro Dorian Gray. Mi soffermo solo sulla frase: "Quel giovane gli era infinitamente caro e la sua personalità era stata la chiave di volta della sua arte". Racchiude in sé il succo della storia, o meglio: della storia del ritratto. XD

    Mariella

    RispondiElimina