mercoledì 29 giugno 2011

PAGINA 99 #1

Ultimamente l'amministratrice di questo blog non fa che "inventarsi" nuove rubriche.

E sia! Oggi tocca a Pagina 99.


Il segreto di un romanzo sta a pagina 99. Parola del narratore inglese Ford Madox, il quale sostiene che basta prendere un libro tra le mani e leggere la 99esima pagina per capire se vale la pena comprarlo oppure no. Pare che lì si annidi il valore di un romanzo.


Proviamo?


Di tanto in tanto posterò la pagina 99 (non più di qualche rigo, in verità) del libro - o uno dei libri - in lettura; in modo, perché no, da commentare anche insieme la cosa.


Partiamo subito. . .

Il libro che ho scelto per iniziare Pagina 99 è IL CLUB DEI SUICIDI di Albert Borris (Giunti Y):

Audrey: ammirevole da parte tua
Jin-Ae: figo
Frank: una cosa veloce
Jin-Ae: io mi sa ke farei l'opposto. cerkerei d godermela
Audrey: godertela?
Jin-Ae: lo so ke sembra folle, ma lo farei lentamente, tipo nella vasca da bagno con il sangue ke mi esce dai polsi lentamente, dolcemente
Audey: candele e musica, giusto?
Jin-Ae: e un bickiere d vino - con dentro l'ecstasy


Si capisce qualcosa? Be', io direi che si capisca abbastanza.

Intanto, una prima idea dobbiamo farcela leggendo la trama, la trovate qui (giacché ci siete, partecipate al giveaway, trovate tutto cliccando lì sopra).


Poi, vediamo cos'è che salta fuori.


Allora, io intanto direi che un fattore è subito chiaro: una chat. Questi adolescenti (sappiamo della loro giovane età perché lo abbiamo letto in quarta di copertina), stanno chattando.


Di cosa stanno parlando?


Dei vari modi in cui si può tentare il suicidio. Si comprende come ognuno stia dicendo la sua.


Il cosiddetto linguaggio-sms stona? Per fortuna no! Noto con piacere che si è stati molto attenti a non appesantire la cosa: frasi brevi, hanno scrittura corretta; frasi lunghe, si concedono una lettera "k" o, tutt'al più, una vocale di meno. Del resto, se così non fosse, la chat stessa perderebbe credibilità, giacché il linguaggio-sms è prassi tra i giovanissimi, non trovate?


Una nota a piè di pagina:


avete notato anche voi come risalti molto il blu? Fate caso alla copertina e alla foto che ho scattato al libro. Non sembra anche a voi che graficamente si è giocato molto sul blu e le sue tonalità? Il cartoncino all'interno del libro è blu, idem la copertina; la sovraccoperta è caratterizzata da uno sfondo blu cielo (e sue sfumature), un'automobile celeste & blu e un paio di blue jeans.


Magari è un caso ma, per chi non lo sapesse, nella psicologia del colore il blu indica spiritualità. Per estensione, è il colore della contemplazione e - anzi - per i cinesi è il colore dell'immortalità. Si dice poi, e del resto è così, che in una stanza blu i battiti cardiaci diminuiscano.


Curioso, per un romanzo il cui tema è il suicidio. Non trovate?

4 commenti:

  1. Questa rubrica mi piace proprio... io in genere decido se comprare o meno un libro utilizzando lo stesso metodo degli editori leggo le prime pagine e poi qualche pagina a caso... se mi interessa lo prendo altrimenti lo rimetto a posto:p
    ho fatto lo stesso gioco con "orgoglio e pregiudizio" e la pagina (almeno al mio libro) è quella in cui Eli decide di andare al viaggio con gli zii:) FUNZIONA:D

    RispondiElimina
  2. Bris, hai toccato il mio punto debole: "Orgoglio & Pregiudizio" è il mio romanzo preferito! ^^ (Assieme a "Il ritratto di Dorian Gray" di Oscar Wilde).

    RispondiElimina
  3. hai provato se funziona anche con Dorian??:) io l'ho letto ma l'ho preso in prestito in biblioteca...

    RispondiElimina
  4. Bris, ho appena provato con Dorian e... ho deciso che sarà il prossimo romanzo della rubrica "Pagina99". XD

    RispondiElimina