mercoledì 18 maggio 2011

"ESEDION" Blog Tour - 6a tappa: Le isole

Continua il blog tour di Esedion, opera prima dell'autrice Claudia Tonin (alias Daisy Dery) edito da Linee Infinite Edizioni. Il romanzo, vi ricordo, uscirà il 22 maggio.

In proposito vi ho già anticipato qualcosa, per rinfrescarvi la memoria - o per scoprire di cosa sto parlando - cliccate qui.

Nella tappa prevista oggi, qui su Young Adult lit, visiteremo alcune isole da sogno che, per un motivo o per l'altro, giocheranno dei ruoli nella partita di Esedion.

La prima è Bali:

isola dell'arcipelago delle isole della Sonda minori, separata dall'isola di Giava dallo stretto di Bali, è la più importante meta turistica indonesiana.

Bali è molto famosa per la sua cultura artistica, specialmente legata alla pittura e alla scultura del legno. E altrettanto conosciute sono le danze tipiche del luogo, molto seguite dalla popolazione e dai turisti.

Interessante è il fatto che il calendario balinese è composto da soli 210 giorni e questo comporta il fatto che, agli occhi dei turisti, tutte le festività del luogo sembrino succedersi imprevedibilmente, quasi a caso, anche se in realtà hanno le loro date ben precise.

Infine, forse non sapete che Bali, pur essendo un'isola, ospita più di 20.000 templi! Impressionante!

Leggiamo una citazione dal libro per quest'isola:

"Certo, non si lamentava, aveva visto dei templi meravigliosi nel suo breve soggiorno a Bali e si aspettava che la prossima isola sarebbe stata ancora più bella, quello che non capiva era tutta la fretta che parevano avere sia Amnar che Hennio."

La seconda è Lombok:

Lombok è un'altra isola indonesiana, sempre facente parte dell'arcipelago delle piccole isole della Sonda. È vicinissima a Bali, infatti le separa solo uno stretto, chiamato stretto di Lombok, ha una forma piuttosto circolare ed è quasi incoronata da una serie di isolette più piccole chiamate isole Gili.

Anche per quest'isola, una citazione:

“L’isoletta indonesiana era solo un tentativo di capire dove fosse indirizzata la fuga di energia solare, ma ora che Amnar aveva evidenziato la similitudine, lei ed Hennio si erano convinti che probabilmente era proprio Lombok il luogo da cui Ryan aveva avuto accesso alla loro dimensione.”

Infine, ultima isola, Gili Air:

Gili Air è la seconda isola più piccola delle Gili ed è vicina a Lombok. È sicuramente un luogo popolare tra i neo sposi perché questa è una delle mete più gettonate per le lune di miele. La sua popolazione è di circa 1000 abitanti, quindi si può star sicuri di trovare tranquillità e relax. Neanche a dirlo, questo è un paradiso per gli appassionati di snorkeling, che possono trovare qui una bellissima barriera corallina.

Anche per questa terza isola, una citazione dal libro:

“E messi tutti e quattro in cerchio, attraversarono l’Oceano Indiano per arrivare nell’isola di Gili Air.

Purtroppo, né Sofia né Amnar, avevano fatto i conti con il fatto che non erano più a Estreira e la smaterializzazione non era così semplice sulla Terra.”

Andiamo ora a curiosare nella mente dell'autrice, ponendole tre domandine. . .

Grazie MissMeiko per avermi ospitata e per darmi l’opportunità di parlare di Esedion il mio romanzo.

Ancora grazie di cuore a te e a tutti i blog che partecipano all’iniziativa di Vocedelsilenzio.

Ma grazie a te e a Voce, cara! Per me è un onore essere stata scelta per quest'iniziativa originale e divertente.


MINI INTERVISTA

Come mai così tante isole in questo libro? È solo una necessità geografica, o c'è un altro motivo?

Io adoro le isole. Non è un segreto che ho cercato di diventare guardiana di un faro e non mi hanno presa. Peccato! L’isola è il luogo geografico che più si addice a me. Sono una solitaria che tende a isola-rsi. La collocazione geografica di queste isole era compatibile con la verosimiglianza della storia del romanzo. Tra l’Oceano Indiano e l’Oceano Pacifico. Senza contare che la grandiosa energia, che sa sprigionare l’oceano con le sue maree, si addiceva perfettamente al tema del romanzo.

Domanda ormai di rito: qualche anticipazione sul ruolo di queste isole nel libro?

In questi luoghi si svolgeranno alcuni avvenimenti inaspettati e vi saranno delle grandi sorprese.

Purtroppo non posso dirti di più, ma ti anticipo che il cattivo si è scelto come casa una di queste splendide isole. Molto furbo l’uomo, molto furbo!

Come mai ci affascinano questi luoghi lontani, secondo te? E come mai affascinano te?

Sarò forse banale, ma sono bellissimi. Credo siano i colori. Ci sono delle tonalità cromatiche accese che ti entrano nel cuore. Capisco Gauguin che lasciò tutto per andare in Polinesia.

Io sono affascinata dalle isole in generale, come ti ho detto, ma è l’idea della fuga, credo, quella che assale le persone. Vuoi per la frenesia della vita attuale, vuoi per una insoddisfazione personale. Ma una fuga è sempre una fuga e, prima o poi, ovunque ti trovi, dovrai fare i conti con te stesso.

Purtroppo, il tour per oggi finisce qui.

Continuerà domani su Diario di Pensieri Persi. Se avete mancato la tappa di ieri (dalla quale potrete poi accedere a tutte le altre tappe precedenti, mano a mano), approdate sul blog Bibliomania.

7 commenti:

  1. Grazie mille! Sei stata gentilissima Miss^^

    RispondiElimina
  2. L'ho fatto con piacere!
    Quest'idea del blog-tour è fantastica, non mi stancherò mai di ripeterlo.
    E a costo di risultare noiosa: il grazie va a te e a Voce del Silenzio.
    Chissà, magari a una prossima collaborazione. . .

    RispondiElimina
  3. MissMeiko, grazie anche da parte mia.
    Sono davvero molto contento che l'idea piaccia e che tutto stia andando bene.
    Sicuramente, prima o poi, una nuova collaborazione ci sarà! ;)

    RispondiElimina
  4. Un post meraviglioso! Beh, come dare torto a Daisy? Anch'io adoro queste località, mi ci trasferirei immediatamente! Complimenti a tutti! Bravissima l'autrice! Black.

    RispondiElimina
  5. Mi sono imbattuto casualmente in questa iniziativa webpubblicitaria e la prima impressione è: bravissimi e innovativi. Acquisterò sicuramente il libro Esedion data la forte curiosità che mi ha suscitato. Evviva le idee, Evviva la cultura.

    RispondiElimina
  6. Un vero inno alla cultura, infatti. Questo è segno che internet, se usato bene, sa unire l'utile al dilettevole.

    @Black: l'autrice è brava davvero! ^^

    RispondiElimina